Skip to main content

Dominio dell’umlaut

Cos’è un dominio di umlaut?

Un dominio umlaut è un indirizzo Internet che, oltre alle lettere dell’alfabeto latino e ai numeri, può contenere anche caratteri speciali, per esempio gli umlaut tedeschi ä, ö e ü, la lettera ß e altri caratteri. I domini di umlaut sono quindi chiamati anche domini a carattere speciale o IDN. L’abbreviazione sta per il termine inglese internationalized domain name. Poiché l’uso di un dominio di umlaut è associato a svantaggi in termini di portata a causa di una cerchia limitata di utenti e possono verificarsi difficoltà tecniche, la sua distribuzione è bassa. I domini IDN rappresentano solo il 4% circa di tutti i domini registrati.

Il registro decide sui caratteri ammissibili

In linea di principio, quasi tutti i caratteri del set di caratteri Unicode standardizzato sono anche possibili in un dominio di umlaut. Una lista di caratteri compatibili con IDN è disponibile su unicode.org.

Tuttavia, questo non significa che tutti i caratteri possono essere utilizzati anche con ogni finale di dominio, il cosiddetto dominio di primo livello. Questo è deciso dal rispettivo registro. Per i domini .de, è DENIC.

Secondo la lista di caratteri IDN di DENIC, sono permessi 93 caratteri speciali. Ci sono registri separati per i nuovi domini di primo livello, per esempio dotBerlin per .berlin. Hanno i loro propri set di regole, spesso più ristretti.

Uso con rischi

Quando si usano domini di umlaut, specialmente nel settore commerciale, è necessario soppesare gli svantaggi tecnici e i vantaggi in termini di disponibilità e leggibilità.

Un grande vantaggio dei domini umlaut è che all’inizio della registrazione – per i domini .de il 1° marzo 2004 – molti nomi ricercati erano ancora disponibili. A proposito, öko.de è stato venduto per primo, che è attualmente inoltrato a un altro dominio umlaut, säfte.de.

Un’altra ragione è che è più facile da leggere. Bäckerei Müller sembra semplicemente più familiare di Baeckerei Mueller, e Suessoelgefaess, se la parola esiste, è difficilmente riconoscibile una volta che gli umlaut e la legatura ß sono stati dissolti. Tuttavia, l’aspetto familiare del nome è finito quando i domini di umlaut sono convertiti in un formato adatto a Internet.

Con l’aiuto di un convertitore, come quello fornito da DENIC, è possibile verificare cosa diventa un dominio IDN quando viene tradotto in una cosiddetta stringa ASCII-compatibile (ACE = ASCII Compatible Encoding).
https://www.denic.de/service/tools/idn-web-converter/

L’indirizzo pratico bäckerei-müller.de diventa allora xn--bckerei-mller-bfb28a.de. E questo non è davvero più autoesplicativo. Ma una tale traduzione dei domini di umlaut è necessaria, per esempio, affinché i link funzionino. Se questo non fosse il caso, i backlink potrebbero essere persi o il contenuto non sarebbe condiviso così spesso nei social media. Entrambi hanno un impatto negativo sul posizionamento nei motori di ricerca. Non si possono escludere difficoltà tecniche nonostante la conversione, perché alcuni browser risolvono le umlaut o la ß direttamente in ae, oe, ue o ss quando vengono inserite. Le impressioni di pagina sbagliate sono quindi pre-programmate: neustrasse.de e neustraße.de portano a siti web completamente diversi.


Avete altre domande?

Vi preghiamo di contattarci


Ulteriori contenuti